Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

sito non più aggiornato
 

Sezioni

Tu sei qui: Home / Ricerca / 2012

Responsabile Luigia Grazia Fresu
Settore di ricerca Farmacologia
Personale docente Sandra Brunelleschi   
Personale non-docente Angela Amoruso  Danilo Del Prete  Greta Cavigioli  Maria Luisa Attina`            
Obiettivi della ricerca 1) Artrite reumatoide e ruolo di PPAR-gamma
Risultati ottenuti 1)  I recettori PPAR-gamma sono espressi in diversi tipi cellulari e giocano un ruolo antinfiammatorio fondamentale in diverse patologie. Abbiamo condotto uno studio pilota su pazienti affetti da artrite reumatoide per valutare l’espressione di PPAR-gamma in monociti/macrofagi e gli effetti della sua attivazione sull’attivita’ delle metalloprotasi di matrice extracellualare e sulla risposta ai farmaci. Dai risultati e’ risultato che nelle cellule isolate da paziente PPAR-gamma e’ maggiormente espresso e potrebbe rappresentare un indicatore di severita’ della malattia e dell’efficacia terapeutica. 
Obiettivi della ricerca 2) Coinvolgimento delle tachichinine nella depressione maggiore.
Risultati ottenuti 2)  Il ruolo delle tachichinine in alcune malattie psichiatriche e’ stato dimostrato ma non completamente chiarito dal punto di vista molecolare. Abbiamo condotto uno studio per valutare l’espressione dei recettori NK1 e 2 e gli effetti della sostanza P e della neurochinina A nei monociti isolati da pazienti affeti da depressione maggiore. Dai nostri risultati risulta uno squilibrio di espressione dei recettori NK1 e 2, a favore di quest’ultimo. Inoltre l’attivazione da parte degli agonisti induce la via si segnale NF-kB e il release da parte dei monociti di TNF-alfa. (Lavoro accettato fine 2012 e pubbblicato nel 2013) 
Obiettivi della ricerca 3) Le microparticelle rilasciate da monociti umani come via di comunicazione tra i monociti/macrofagi.
Risultati ottenuti 3)  Le Microparticelle (MPs) sono piccole vescicole di diametro ben definito che si orginano da diveri tipi cellulari, e sono ormai ritenute importanti veicoli di comunicazione intercellulare. Noi abbiamo studiato le MP originate da monociti umani e valutato un loro possibile effetto autocrino. Con i nostri risultati abbiamo dimostrato che le MPs derivate dai monociti umani esercitano un’attivazione autocrina sui monociti/macrofagi umani, modulata dai ligandi PPAR-gamma, con induzione sia di effetti pro-infiammatori (aumento della produzione dell’anione superossido, del rilascio di citochine e attivazione di NF-kB) che anti-infiammatori (aumentata espressione di PPAR-gamma). 
Obiettivi della ricerca 4) Effetti dei ligandi PPAR-gamma sulla crescita cellulare e sull’attivita’ delle metalloproteinasi della matrice extracellulare, in una linea cellulare tumorale di leucemia acuta monocitica MM6.
Risultati ottenuti 4)  I risultati hanno rivelato che PPAR-gamma è espresso nelle MM6; il ligando naturale PGJ2 e sintetico rosiglitazone ne inibiscono la vitalità cellulare. Inoltre, sia la PGJ2 che il RGZ inibiscono l’adesione delle cellule leucemiche alla laminina e al collagene, e la PGJ2 sembra inibire anche l’invasione attraverso il matrigel. L’attività delle metalloprotasi risulta essere modificata dai ligandi PPARγ. I dati sono preliminari e richiedono conferme. Si puo’ concludere che le cellule leucemiche monocitiche Mono Mac-6 esprimono il recettore PPARγ e che questo e’ responsivo al ligando naturale PGJ2 e al ligando sintetico rosiglitazone. Questi ligandi hanno la capacità di influenzare l’attività invasiva e di adesione delle MM6, probabilmente modulando l’attività gelatinolitica delle metallo proteinasi 2 e 9. 
Obiettivi della ricerca 5) Valutazione dell`attività anti-infiammatoria di derivati sintetici dei triterpeni dell`ulivo: Attività antiossidante, espressione di PPARγ ed attivazione di NFκB in monociti/macrofagi di donatori sani
Risultati ottenuti 5) Gli acidi triterpenici oleanolico ed ursolico, sono conosciuti ed abbondantemente studiati per la loro multitudine di effetti farmacologici tra cui attività antinfiammatoria, epatoprotettrice, antitumorale, antiproliferativa, antiossidante, antidiabetogenica, antiobesità ed antibatterica. Abbiamo valutato la potenziale attività antinfiammatoria ed antiossidante di molecole derivate da questi acidi su monociti/macrofagi umani e la potenziale attività antiproliferativa nei confronti di cellule leucemiche monocitiche monomac-6. I risultati hanno dimostrato che alcuni derivati dell`acido oleanoico e ursolico presentano una rilevante attività antiossidante nei confronti dell`inibizione della produzione dell`anione superossido e una modulazione delle vie di segnale NFkB e PPAR-gamma sui monociti e MDM. L` acido oleanoico e il suo derivato OOE sono stati valutati per la loro attività antiproliferativa mostrando una evidente inibizione della proliferazione delle cellule monomac-6. 
Collaborazioni in atto   
Comunicazioni a congressi   
Pubblicazioni
Peroxisome proliferator-activated receptor-gamma expression in monocytes/macrophages from rheumatoid arthritis patients: relation to disease activity and therapy efficacy--a pilot study.
Autocrine activation of human monocyte/macrophages by monocyte-derived microparticles and modulation by PPARgamma ligands.
Recurrent major depressive disorder: Imbalance of neurokinin (NK)-1 and NK-2 receptor expression in monocytes.