Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

sito non più aggiornato
 

Sezioni

Tu sei qui: Home / Ricerca / 2012

Responsabile Rita Carini
Settore di ricerca Patologia Generale
Personale docente Emanuele Albano  Antonia Follenzi 
Personale non-docente Elisa Alchera  Chiara Imarisio  Chandrashekar Bangalore               
Obiettivi della ricerca 1) Ruolo della attivazione/inibizione delle cellule di Kupffer cells (KC)
e dei linfociti CD4, Th1, Th17 , NKT e Treg nello sviluppo della
steatoepatite non alcolica (NASH) e nella protezione indotta da
precondizionamento farmacologico con agonisti del recettore A2a dell’adenosina.
Risultati ottenuti 1) Lo sviluppo della NASH è risultato associato ad un aumento dell`infiltrazione di linfociti Th17 e Th1 e a una diminuzione di Treg. Il precondizionamento farmacologico con agonisti dei recettori A2a è risultato associato alla prevenzione dell`infiltrazione Th17 e Th1 e a un aumento di Treg. 
Obiettivi della ricerca 2) Analisi, tramite proteomica differenziale, delle modificazioni
proteiche durante il danno da ischemia/riperfusione ed in seguito a
precondizionamento farmacologico con agonisti del recettore A2a
dell’adenosina, nel fegato di topo ed in cellule endoteliali, Kupffer ed
epatociti isolati da fegato di topo.
Risultati ottenuti 2) Lo studio è attualmente in corso. 
Obiettivi della ricerca 3) Preparazione di topi chimerici per il recettore A2a dell’adenosina
(con riattivazione selettiva del recettore A2a dell’adenosina in cellule
endoteliali, Kupffer ed epatociti tramite vettori lentivirali in topi KO per
il recettore A2a dell’adenosina) allo scopo di studiare il ruolo delle diverse
cellule epatiche nella produzione degli effetti protettivi del
precondizionamento.
Risultati ottenuti 3) Lo studio è attualmente in corso. 
Collaborazioni in atto  
Comunicazioni a congressi  
Pubblicazioni
Adenosine A(2a) receptor stimulation prevents hepatocyte lipotoxicity and non-alcoholic steatohepatitis (NASH) in rats.