Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

sito non più aggiornato
 

Sezioni

Tu sei qui: Home / Ricerca / 2012

Responsabile Simonetta Bellone
Settore di ricerca Pediatria Generale e Specialistica
Personale docente Flavia Prodam   
Personale non-docente Silvia Savastio  Roberta Ricotti  Valentina Agarla  Enza Giglione  Marta Roccio         
Obiettivi della ricerca 1) L`ACTH correla maggiormente con la sindrome metabolica rispetto al cortisolo in bambini e adolescenti obesi.
Risultati ottenuti 1) Obiettivo: valutare, in bambini italiani obesi e sovrappeso, l`€™associazione tra sindrome metabolica e livelli mattutini di cortisolo e ACTH; valutare se ACTH e cortisolo risultano aumentati in soggetti con sindrome metabolica.
In studio 450 bambini e adolescenti afferenti all`ambulatorio di Auxologia ed endocrinologia pediatrica per obesità . Tutti i bambini sono stati valutati clinicamente, a tutti sono stati eseguiti OGTT ed esami ematochimici basali (ACTH, cortisolo, glucosio, insulina, quadro lipidico). In caso di riscontro di elevati livelli di cortisolemia è stato effettuato test al desametasone con valutazione di cortisoluria delle 24 ore. Risultati: Nessun soggetto ha avuto diagnosi di sindrome di Cushing. 228 soggetti (56.1%) presentavano i criteri di sindrome metabolica. I livelli di ACTH (p<0.001) e cortisolo (p<0.05) erano maggiori nei soggetti con sindrome metabolica, questa significatività si perdeva dopo aver aggiustato i dati per tutti i possibili confondenti. I livelli di ACTH aumentavano all`aumentare del numero dei criteri di sindrome metabolica, in particolare i livelli di ACTH correlavano positivamente con: trigliceridi (p<0.006), IFG e IGT (p<0.001), ipertensione arteriosa (p<0.02), BMI e circonferenza vita. I livelli di cortisolo erano maggiori nei pazienti con ipertensione arteriosa (p<0.05) e si associavano positivamente all`età e agli stadi puberali del paziente. Queste significatività venivano mantenute anche dopo aver aggiustato per tutti i possibili confondenti.  
Obiettivi della ricerca 2) La secrezione insulinica e la sensibilità all`ormone della crescita alla fine della terapia con rhGH dopo 1 anno di follow up: influenza dei polimorfismi del recettore d3GH sui parametri metabolici.
Risultati ottenuti 2) Obiettivo: valutare le variazioni di insulinemia e insulinoresistenza in 24 bambini con GHD: 1) durante l`€™ultimo anno di terapia con GH (T0); 2) a 6 (T6) e a 12 mesi (T12) dopo la sospensione di terapia. In studio i livelli di glicemia ed insulina prima e dopo OGTT. L`™insulinoresistenza e sensibilità sono stati valutati con: HOMA, Matsuda, QUICKI, Disposition index (DI) e indice insulinogenico (INS). E` stato valutato anche il recettore del GH in particolar modo la presenza o assenza di delezioni a carico dell`€™esone 3. I 24 soggetti sono stati confrontati con 30 controlli puberi.
Risultati: nessun soggetto ha presentato disglicemia o ipertensione. I livelli di insulina e glucosio a tutti i tempi dell`€™OGTT sono risultati progressivamente inferiori a T6 e T12 rispetto a T0 (p<0.001). Gli indici di Matsuda and QUICKI erano minori a T0 rispetto a T6 e T12 (p<0.01). Tutti i parametri metabolici a T12 erano sovrapponibili a quelli del gruppo di controllo. INS e DI si riducevano progressivamente solo nel gruppo di soggetti senza delezioni di GHr (p<0.05).
Conclusioni: durante la terapia con GH la sensibilità periferica all`insulina si riduce ma senza comparsa di disglicemia inoltre si assiste ad aumento compensatorio dei livelli insulinici e riduzione di DI nei GHD non deleti. Dopo il termine della terapia i livelli di insulina e glucosio si normalizzano progressivamente in circa 12 mesi.   
Obiettivi della ricerca 3) Approccio proteomico per la valutazione del quadro infiammatorio nell`obesità:
ruolo preventivo del cacao.
Risultati ottenuti 3) Nell`obesità, la dieta gioca un ruolo cruciale anche in termini di regolazione della risposta infiammatoria, propria del tessuto adiposo di soggetti obesi. I polifenoli presenti nel cacao (Theobroma cacao L.), mostrano proprietà antiossidanti e modulano funzionalità piastrinica ed infiammazione. Obiettivo dello studio, ancora in fase preliminare, analizzare i meccanismi molecolari attraverso i quali i componenti bioattivi del cacao modulano lo stato infiammatorio in soggetti obesi, tramite l`€™attività dei monociti tissutali. E` stata eseguita una cromatografia liquida accoppiata alla spettrometria di massa (LC-MS), per valutare la biodisponibilità dell`™epicatechina nel plasma di soggetti trattati in acuto e cronico col cacao. I principali componenti bioattivi del cacao (epicatechina, teobromina e clovamide) sono stati testati in esperimenti tempo e dose dipendenti, sia su linee cellulari di monociti Mono-Mac 6 (MM6) sia su monociti umani isolati dal sangue di pazienti. Le cellule sono state lisate e dopo elettroforesi bidimensionale, è stata effettuata l`€™analisi del profilo proteico col software statistico PDQuest (versione 8.0). Risultati significativi sono stati osservati dopo 48 ore di incubazione con 10 µM di ciascun componente. I profili proteici hanno mostrato cambiamenti significativi di espressione rispetto al basale in diversi punti che sono stati significativamente sovra/sottoespressi con i tre trattamenti (p <0,05).   
Collaborazioni in atto - St-Pierre DH. Department of Kinanthropology, University of Québec. Montréal, Québec, Canada.
- Van der Lely AJ. Department of Medicine, Section Endocrinology, Erasmus University Medical Center Rotterdam, The Netherlands. 
Comunicazioni a congressi   
Pubblicazioni
Comparison of two classifications of metabolic syndrome in the pediatric population and the impact of cholesterol.
Measurement of height velocity is an useful marker for monitoring pituitary function in patients who had traumatic brain injury.
Quality of life, mood disturbances and psychological parameters in adult patients with GH deficiency.
Endocrine disorders in childhood and adolescence. Natural history of subclinical hypothyroidism in children and adolescents and potential effects of replacement therapy: a review.
Functional SNPs within the intron 1 of the PROP1 gene contribute to combined growth hormone deficiency (CPHD).
A novel familial variation of the thyroid hormone receptor beta gene (I276N) associated with resistance to thyroid hormone.
Involvement of genes related to inflammation and cell cycle in Idiopathic Short Stature.
Isolated GHD: investigation and implication of JAK/STAT related genes before and after rhGH treatment.
Acylated/unacylated ghrelin ratio in cord blood: correlation with anthropometric and metabolic parameters and pediatric lifespan comparison.
Lipid profile and nutritional intake in children and adolescents with Type 1 diabetes improve after a structured dietician training to a Mediterranean-style diet.
Acylated and unacylated ghrelin levels in normal weight and obese children: influence of puberty and relationship with insulin, leptin and adiponectin levels.
Hypocortisolism in Noncomatose Patients during the Acute Phase of Subarachnoid Hemorrhage.
Growth hormone therapy in adult growth hormone deficiency: a review of treatment schedules and the evidence for low starting doses.
Loss of expression of the oncosuppressor PTEN in thyroid incidentalomas associates with GLUT1 plasmamembrane expression.
Metabolic effects of overnight continuous infusion of unacylated ghrelin in humans.
Clinical-pathological changes in differentiated thyroid cancer (DTC) over time (1997-2010): data from the University Hospital "Maggiore della Carità" in Novara.
Hypopituitarism following brain injury: when does it occur and how best to test?
Subclinical Hypothyroidism in Children: Natural History and When to Treat.