Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

sito non più aggiornato
 

Sezioni

Tu sei qui: Home / Ricerca / 2011

Responsabile Mario Cannas
Settore di ricerca Anatomia Umana
Personale docente Filippo Renò  Maurizio Sabbatini  Francesca Boccafoschi
Personale non-docente Michela Bosetti  Gianfranco Peluso  Manuela Rizzi  Cecilia Mosca  Luca Fusaro  Massimiliano Leigheb      
Obiettivi della ricerca 1) Fattori di crescita per osteoblasti e osteoclasti umani e loro possibile uso in tissue engineering.
Risultati ottenuti 1) Questa linea di ricerca riguarda lo studio del rimodellamento osseo "in vitro", in presenza di fattori di crescita ad azione sulle cellule midollari progenitrici di osteoblasti e osteoclasti, per mettere a punto materiali rilascianti tali fattori in forma attiva. La determinazione dei meccanismi molecolari coinvolti potrebbe portare allo sviluppo di nuove strategie terapeutiche dirette a migliorare la formazione di matrice ossea, in campo implantologico ed anche nella patologia osteoporotica
 
Obiettivi della ricerca 2) La organizzazione del citoscheletro in cellule sottoposte a vari tipi di stress meccanico.
Risultati ottenuti 2)  Le forze meccaniche hanno un ruolo importante nell`organizzazione, crescita e funzionamento dei tessuti, in quanto le cellule sono in grado di trasdurre i segnali meccanici in segnali biologici. Tale capacità si basa principalmente sulle adesioni focali che legano le cellule tra loro e con la matrice extracellulare. In studi preliminari condotti con una apparecchiatura tipo "Instron", ed anche con un bioreattore, si è confrontato l`orientamento delle cellule con l`espressione della vinculina durante stress meccanici ciclici. Sono in corso approfondimenti per comprendere le vie biochimiche implicate.  
Obiettivi della ricerca 3) Modelli sperimentali dinamici per applicazioni cardiovascolari
Risultati ottenuti 3)  L`uso di stent per riattivare la circolazione ematica in vari distretti, principalmente quello cardiovascolare, è diventato frequente e spesso insostituibile. Permangono comunque svariati problemi, legati alla riformazione del blocco della circolazione (ri-stenosi), con necessità di fornire “in loco” agenti con attività sul circolo ematico.
Lo scopo di questa linea di ricerca è valutare il comportamento di stent in ambiente dinamico, costruiti con materiale biocompatibile (lo "scaffold"), integrato con cellule della linea ematica.
 
Obiettivi della ricerca 4) Uso di linee cellulari (adipociti e di cute) in terapia rigenerativa
Risultati ottenuti 4)  Questa linea di recente avvio, prevede la coltura in vitro di adipociti umani, con eventuale aggiunta di fattori trofici, al fine di identificare la popolazione cellulare da usare in terapia rigenerativa sottocutanea. La medicina rigenerativa è implicata anche in un`altra linea di ricerca che si propone di ottenere una cute "ingegnerizzata", di utilizzo in patologie (quali le ustioni e i deficit della microcircolazione cutanea) che portano alla perdita dello strato cutaneo superficiale.

Nel campo esiste il BREVETTO: Renò F, Cannas M, (2011). "Hydrogel composition and uses thereof". n° TO2011A000450, Università del Piemonte Orientale"

 
Obiettivi della ricerca 5) Analisi ultrastrutturale di nanoparticelle e rilasciate da membrane periprostetiche ortopediche
Risultati ottenuti 5)  Questa linea prevede l`analisi dei detriti di dimensione nanometrica, organici (UHMWPE e PMMA) e metallici, provenienti da protesi, in campo ortopedico. Si considerano le membrane di protesi asettiche e settiche, cementate e non. Le analisi morfologiche, condotte con l’ausilio della microscopia SEM e spettroscopica a raggi X, prevedono la determinazione della tipologia e della distribuzione degli ioni: i detriti appaiono di differente morfologia e distribuzione peculiare tra le diverse membrane, riflettendo la presenza di differenti forze di frizione esistenti nell’interfaccia tra la protesi ed il tessuto osseo.  
Collaborazioni in atto -Istituto di Biochimica delle Proteine dl CNR (Prof. GF Peluso), Napoli
-Quebec Biomaterials Institute, Dept of Biomaterials Science and Surgery, Laval University, Quebec City, Canada (Prof. D Mantovani),

 
Comunicazioni a congressi -LEIGHEB M, BOSETTI M, CANNAS M, GRASSI F.A (2011): "Biotechnologies with stem cells and growth factors: applications in cartilage traumatology". In: Journal of Orthopaedics and Traumatology. Rimini, 1-5 October, vol. 12 suppl. 1
-BOSETTI M, FUSARO L, CALARCO A, PELUSO G, CANNAS M (2011): "Cellular distribution and cytotoxic effects of modified nanoparticlesused as siRNA in tissue engineering". In: 4° International Conference on Tissue Engineering, Aegean Conferences Series. Chania, Crete, Greece, May 31-June 5, 2011, vol. 55
-SABBATINI M, GATTI G, MARCHESE L, CANNAS M (2011): "SEM analysis of particles and ions in periprosthetic membrane". In European Journal of histochemistry. San Benedetto del Tronto, 7-8 Giugno 2011, vol. 55(1)
 
Brevetti registrati
BREVETTO N. TO2011A000450. TITOLO: “Composizione di idrogelo e relativi usi” depositato come domanda di priorità italiana in data 23 maggio 2011. Autori: FILIPPO RENO`, MARIO CANNAS
Concerne un idrogel per applicazioni in tissue engineering, particolarmente la creazione di cute artificiale per rimediare a perdite cutanee, dovute a svariate situazioni patologiche (come ustioni e traumi). Gli idrogel sono materiali polimerici con struttura porosa tridimensionale, e nel caso si tratta di idrogel basato sulla gelatina con l`epiregulina come specifico fattore di crescita, adatto per la crescita dei cheratinociti.
RENO F, CANNAS M (2011). "Hydrogel composition and uses thereof". n° TO2011A000450, Università del Piemonte Orientale
Concerne un idrogel per applicazioni in tissue engineering, particolarmente la creazione di cute artificiale per rimediare a perdite cutanee, dovute a svariate situazioni patologiche (come ustioni e traumi). Gli idrogel sono materiali polimerici con struttura porosa tridimensionale, e nel caso si tratta di idrogel basato sulla gelatina con l`epiregulina come specifico fattore di crescita, adatto per la crescita dei cheratinociti.
Pubblicazioni
The role of mechanical stretching in the activation and localization of adhesion proteins and related intracellular molecules.
Chronic exposure to cigarette smoke increases matrix metalloproteinases and Filaggrin mRNA expression in oral keratinocytes: Role of nicotine stimulation.
Nicotine modulates gelatinase B (MMP-9) and epilysin (MMP-28) expression in recostituted human oral epithelium.
Vitamin E triggers poly(2-hydroxyethyl methacrylate) (PHEMA) embolic potential: a proposed application for endovascular surgery.
Signals of apoptotic pathways in several types of meningioma.
Alveolar bone regeneration in post-extraction socket: A review of materials to postpone dental implant