Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

sito non più aggiornato
 

Sezioni

Tu sei qui: Home / Ricerca / 2010

Responsabile Daniele Sblattero
Settore di ricerca Biologia Applicata
Personale docente    
Personale non-docente Cecilia Deantonio  Valentina Sedini  Antony Frank               
Obiettivi della ricerca 1) Validazione di nuovi marcatori biologici della sclerosi multipla e loro utilizzo per la produzione di un chip proteico diagnostico.
Risultati ottenuti 1) Sebbene la causa della sclerosi multipla sia ancora indefinita, l'ipotesi corrente sostenuta da numerose evidenze è quella di una patogenesi autoimmune. Lo studio della risposta autoimmune nella sclerosi multipla è complicato dal fenomeno dell'epitope spreading, dalla sua eterogeneità e dalla rilevanza patogenetica degli autoanticorpi. Anticorpi diretti contro proteine della mielina sono spesso ritrovati in pazienti con sclerosi multipla, ma il loro valore diagnostico e clinico è ancora dibattuto. Molti antigeni sono stati studiati come candidati biomarcatori, ma fino ad ora non vi è alcun test sierologico accettato.
Spesso, i saggi immunologici classici utilizzati impiegano singoli antigeni. L`idea di ottenere un profilo o “firma” immunologica di più antigeni da un singolo paziente è progressivamente emergente. Ciò può essere conseguito utilizzando un approccio innovativo quale i microarray di proteine, e alcuni tentativi sono stati perseguiti anche per la sclerosi multipla. Ma la scoperta e la valutazione di nuovi antigeni candidati rimane obbligatoria. Nella nostra proposta di ricerca si prevede di convalidare la potenzialità diagnostica di alcuni auto antigeni della sclerosi multipla recentemente identificati. Utilizzando un innovativo sistema in “phage display”, abbiamo recentemente isolato dei possibili biomarcatori, che vogliamo testare per la loro capacità di discriminare tra popolazioni di pazienti con sclerosi multipla e altre malattie neurologiche. Sarà anche valutato il possibile impiego di tali antigeni nel distinguere tra le diverse forme di sclerosi multipla e nel seguire il trattamento terapeutico. L`obiettivo finale di questo progetto consiste nella costruzione di un “microarray” proteico ad uso diagnostico.  
Obiettivi della ricerca 2) Anticorpi umani ingegnerizzati per la terapia del mieloma multiplo.
Risultati ottenuti 2) Il presente progetto è focalizzato alla terapia del mieloma multiplo (MM). Il MM è una neoplasia maligna ematologica ancora oggi incurabile nonostante le varie terapie disponibili, questo soprattutto a causa della elevata percentuale di casi refrattari/recidivanti. Pertanto, l`elaborazione di nuovi approcci terapeutici basati su nuovi meccanismi di azione è più che mai necessaria per vincere la resistenza al trattamento convenzionale.
In particolare la ricerca si è focalizzata verso:
- il clonaggio, l' espressione e la purificazione della glicoproteina ligando 1 della P-selectina (PSGL1, CD162), che rappresenta rappresenta un marker del differenziamento plasmacitico.
- l'utilizzo di questa proteina per la selezione di anticorpi monoclonali specifici
- la validazione della potenzialità terapeutica di questi anticorpi mediante modelli in vitro e in vivo. 
Collaborazioni in atto -Dr. Andrew Bradbury, Bioscience Division, Laboratory of Molecular Diversity, Los Alamos, USA,

- Prof Mikael Knip, professor of Pediatrics, Chief Physician, Hospital for Children and Adolescents, Helsinki University Central Hospital  
Comunicazioni a congressi  
Pubblicazioni
B7h triggering inhibits umbilical vascular endothelial cell adhesiveness to tumor cell lines and polymorphonuclear cells.
Celiac anti-tissue transglutaminase antibodies interfere with the uptake of alpha gliadin peptide 31-43 but not of peptide 57-68 by epithelial cells.
Rapid interactome profiling by massive sequencing.
Inhibition of transglutaminase 2 enzymatic activity ameliorates the anti-angiogenic effects of coeliac disease autoantibodies.
Impaired glycosylation blocks DPP10 cell surface expression and alters the electrophysiology of Ito channel complex.
Anti transglutaminase antibodies cause ataxia in mice.