Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

sito non più aggiornato
 

Sezioni

Tu sei qui: Home / Ricerca / 2010

Responsabile Francesco Pia
Settore di ricerca Otorinolaringoiatria
Personale docente Paolo Aluffi Valletti   
Personale non-docente Andrea Toso  Fausto Taranto  Gianluca  Averono                
Obiettivi della ricerca 1) Determinazione di HPV-DNA nei carcinomi della regione orofaringea.
Risultati ottenuti 1) L`HPV risulta coinvolto in una parte consistente dei carcinomi squamosi della regione orofaringea, soprattutto tonsillari. Si tratta di carcinomi insorti spesso in soggetti non fumatori e più giovani rispetto ai carcinomi non-HPV. I tumori HPV-positivi (30%) presentano una migliore risposta al trattamento chemio-radioterapico ed una maggiore sopravvivenza. Lo status HPV riveste un ruolo prognostico e predittivo di risposta la trattamento. Verranno condotti studi inerenti la determinazione di HPV-DNA su campioni bioptici al fine di una migliore pianificazione terapeutica (chirurgica e/o radio-chemioterapica).  
Obiettivi della ricerca 2) Analisi retrospettiva dei risultati oncologici e del significato prognostico dei margini di resezione nella chirurgia endoscopica laser CO2 del carcinoma glottico in stadio iniziale.
Risultati ottenuti 2) La positività istologica dei margini di resezione dopo chirurgia endoscopica laser per carcinomi iniziali delle corde vocali è correlato all`incidenza di recidiva di malattia ma non ha un impatto sulla sopravvivenza. In molti casi la ripresa chirurgica in caso di margini positivi dimostra l`assenza di neoplasia residua (80% dei casi). Il significato prognostico dei margini di resezione glottici è tuttora dibattuto, riflettendo verosimilmente sia una inadeguatezza nelle modalità di “marcatura” dei margini che una difficoltà interpretativa da parte del patologo (coartazione dello specimen, effetti termici del laser e della coagulazione). L'alta incidenza di riprese chirurgiche negative per neoplasia e la mancanza di correlazione statistica tra modalità di trattamento e recidiva sembrano confermare, in accordo con altri AA, come non vi sia una strategia terapeutica univoca da adottare in caso di M+ endoscopici. L'attenta valutazione intraoperatoria durante l'exeresi endoscopica e l'esperienza dell'operatore, anche in caso di margini istologici close o positivi (soprattutto se singoli e superficiali), giustificano a nostro avviso un atteggiamento di “vigile attesa” mediante stretto follow-up.  
Obiettivi della ricerca 3) Determinazione dei livelli plasmatici e tissutali di amoxicillina in pazienti pediatrici tonsillectomizzati.
Risultati ottenuti 3)  La somministrazione preoperatoria di amoxicillina in pazienti candidati a tonsillectomia determina concentrazioni plasmatiche e tissutali (omogenato tonsillare) dell`antibiotico notevolmente al di sotto delle MIC dei patogeni comunemente responsabili delle infezioni delle alte vie aeree (S Aureus, H Influentiae, M Catharralis). Esiste una scarsa corrispondenza tra concentrazioni plasmatiche e tissutali. Lo studio suggerisce come sia necessaria una revisione dello schema di profilassi antibiotica adottato nella tonsillectomia al fine di ridurre la carica batterica nel campo operatorio.  
Collaborazioni in atto   
Comunicazioni a congressi -Cordectomia endoscopica laser CO2: significato prognostico dei margini di resezione.
Aluffi P, Toso A, Crespi C, Valente G, Pia F
Com Cong Naz Soc Ital Otorinolaringoiatria, Riccione maggio 2010
-Bioexeresi laser CO2 nei carcinomi glottici iniziali
Pia F, Taranto F, Farri F, Aluffi P
Com Cong Naz Soc Ital Otorinolaringoiatria, Riccione maggio 2010

 
Pubblicazioni
Evaluation of amoxicillin plasma and tissue levels in pediatric patients undergoing tonsillectomy.
Mucosal melanoma of the upper aero-digestive tract