Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

sito non più aggiornato
 

Sezioni

Tu sei qui: Home / Docenti / Annalisa CHIOCCHETTI / Annalisa CHIOCCHETTI: Linee di ricerca

Annalisa CHIOCCHETTI: Linee di ricerca

ultima modifica 03/07/2013 12:00

Protocolli di vaccinazione attiva contro Osteopontina nell’Encefalomielite Autoimmune Sperimentale (EAE)

Osteopontina (OPN) è una glicoproteina acida che si trova come proteina immobilizzata nella matrice extra-cellulare, ma anche come citochina solubile nei fluidi biologici, dove agisce come importante componente dei processi infiammatori e della risposta immunitaria. Diverse evidenze suggeriscono il suo ruolo nella patogenesi della Sclerosi Multipla (SM). OPN è prodotta ad alti livelli nella matrice extracellulare della barriera ematoencefalica, dove gioca un ruolo importante nel reclutamento di lifociti T autoreattivi verso i tessuti cerebrali infiammati. Linfociti T che esprimono l’integrina a4b1 possono legare OPN, andare incontro a diapedesi, entrare nel SNC e mediare il danno degli oligodendrociti.  Il legame di OPN all’integrina a4b1 può avvenire solo dopo il taglio enzimatico della molecola operato dalla trombina, che determina la formazioni di due porzioni (N-term e C-term), ma il ruolo patogenetico di tali frammenti non è ancora del tutto chiarito.

Il progetto si propone di valutare in vivo l’effetto di una vaccinazione proteica attiva contro le porzioni N-term e C-term di OPN sviluppando due diversi protocolli sperimentali: uno profilattico e uno terapeutico.

 

Studio del ruolo di osteopontina nel melanoma attraverso l’impiego di frammenti/isoforme e anticorpi ricombinanti

 

Osteopontina (OPN) è una glicoproteina acida presente sia come componente della matrice extracellulare sia come citochina, coinvolta nella formazione ossea, nell'adesione cellulare e nella migrazione, nell’infiammazione e nella risposta immunitaria. E’ altamente espressa in molti tumori tra cui il melanoma ed è coinvolta nella crescita tumorale e nella diffusione metastatica. OPN presenta effetti pleiotropici che dipendono dalla sua capacità di interagire con più molecole ed è sottoposta a differenti modifiche post-traduzionali e clivaggi enzimatici. Un dominio arginina-glicina-aspartato (RGD) è coinvolto nel legame alle integrine, il quale si trova nel mezzo della sequenza di OPN, nelle vicinanze di un sito di clivaggio della trombina, la cui scissione espone due ulteriori siti di legame per l'integrina α4β1, nel frammento N-terminale. Invece, un sito di legame per CD44, in particolare delle isoforme v6-v7, si trova nella porzione C-terminale di OPN.

In questo progetto sarà studiato il ruolo dei frammenti N-e C-terminali di OPN, derivati dal taglio della trombina, in modelli umani e murini di melanoma, utilizzando forme ricombinanti di questi frammenti e specifici anticorpi ricombinanti, prodotti nel nostro laboratorio.